Monastero di Weltenburg

Il monastero di Weltenburg si trova proprio all’entrata delle romantiche gole del Danubio. Fu fondato intorno al 1600 dai monaci erranti iroscozzesi di regola colombaniana Eustasio e Agilo di Luxeuil (Borgogna), ed è pertanto la sede monastica più antica della Baviera.

Kloster Weltenburg am Donaudurchbruch

La chiesa dell’abbazia, costruita e allestita dai fratelli Asam tra il 1716 e il 1739 su commissione dell’abate Maurus Bächl, è annoverata tra le opere principali del barocco europeo. Nel 1803, Weltenburg cadde vittima della secolarizzazione e fu chiusa. Già nel 1842, tuttavia, fu riaperta dal Re Ludovico I e restituita ai monaci di Metten. Dal 1913, Weltenburg è di nuovo un’abbazia.

I suoi compiti principali sono la cura delle anime (assistenza di quattro parrocchie) e l’accoglienza degli ospiti: il punto d’incontro di St. Georg, capace di accogliere fino a circa 100 persone, assolve proprio a questa funzione.

Il punto d’incontro di St. Georg è impegnata nel campo dell’istruzione cattolica degli adulti con tutta una serie di seminari. Inoltre, quest’istituzione offre la possibilità di effettuare esercizi spirituali e giornate di ritiro. Un ulteriore incarico pastorale è quello di trasmettere ai numerosi turisti (ca. 500.000 all’anno) il messaggio della fede cattolica in occasione delle visite guidate attraverso la chiesa, alla scoperta dei suoi tesori artistici ed architettonici.

La birreria e l’osteria del monastero provvedono al benessere corporale dei turisti. Entrambe le attività sono date in affitto. Inoltre, il monastero gestisce anche un’attività agricola.

(fonte: www.kloster-weltenburg.de)


Loading...